Nel Nordest, voglia di rinnovamento anche in cucina, con una trentina fra i migliori ristoranti di Veneto, Trentino-Alto Adige e Friuli Venezia Giulia in gara fra loro per trovare nuove armonie di sapori in uno dei piatti simbolo delle Tre Venezie, il baccalà

A decidere sulla maestria innovativa degli Chef un primo giudizio popolare, poi nella selezione subentrano “i Tecnici”. Allo Chef vincitore, l’ambito Trofeo Tagliapietra.

 

Comunicato stampa

 

Fin dai tempi di Marco Polo, la voglia di scoprire nuovi percorsi è ben presente nel Nordest, anche in campo culinario. E’ il caso, ad esempio, del Festival Triveneto del Baccalà verso Expo 2015, kermesse gastronomica giunta alla quarta edizione e che dal 19 settembre al 4 dicembre 2013 scandaglierà quanto di meglio e nuovo propone la ristorazione delle Tre Venezie in fatto di merluzzo.

 

Si guarda al passato per trarre nuova linfa, anche in cucina. Il salutare alimento ittico è infatti protagonista delle tavole del Triveneto da circa seicento anni, da quando cioè Pietro Querini fece conoscere ai cittadini della Serenissima Repubblica lo stoccafisso importato dalle Lofoten, le isole norvegesi dove il nobiluomo veneziano naufragò nel 1432 ripartendosene con la stiva colma di stocco. In circa tre mesi, dunque, una trentina fra i migliori ristoranti di Veneto, Trentino-Alto Adige e Friuli Venezia Giulia si sfideranno nell’ideare il piatto a base del miglior merluzzo dei mari del Nord, preparato in versione fresca, salata o essiccata. La manifestazione è organizzata dalle Confraternite del baccalà del Nordest – la veneziana Dogale Confraternita del Baccalà Mantecato, la Venerabile Confraternita del Bacalà alla Vicentina, la padovana Patavina Confraternita del Baccalà e la trentina Vulnerabile Confraternita dello Stofiss dei Frati -, in collaborazione con l’Accademia Italiana della Cucina Delegazione Eugania Basso Padovano e l’azienda Tagliapietra di Mestre (VE), il più importante importatore di stoccafisso del Nord Italia, che supporta il Festival per portare alla ribalta, soprattutto delle nuove generazioni, il merluzzo, alimento ricco di valori nutrizionali, gustoso e versatile in cucina. “Sono già 156 le ricette innovative a base di merluzzo frutto delle invenzioni degli Chef del Triveneto entrate nel palmarès del Festival – spiega Ettore Bonalberti, ideatore e Presidente Onorario della manifestazione – e molte altre arricchiranno il ricettario da qui al 2015, anno in cui si terrà l’Expo di Milano, evento universale a cui la manifestazione guarda idealmente perché darà visibilità alla tradizione, alla creatività e all’innovazione nel settore dell’alimentazione.

 

Il primo voto spetta alla Giuria popolare, poi subentrano i “Tecnici”. Al vincitore, l’ambito Trofeo Tagliapietra. A giudicare bontà e innovazione dei piatti, tre per ogni serata in calendario, (antipasto, primo e secondo) saranno dapprima i clienti del ristoranti, che decideranno in base al loro gusto quali pietanze resteranno in gara. Sarà poi compito del Comitato organizzatore del Festival, presieduto da Luca Padovani, selezionare le sei migliori ricette interregionali e portare gli Chef che le hanno proposte a disputarsi l’ambito Trofeo Tagliapietra, simbolo di innovazione e creatività, nel Galà finale che si terrà il 4 dicembre all’Antica Trattoria Ballotta di Torreglia (PD). In questa serata, l’ultimo verdetto, che decreterà ricetta e Chef vincitori, spetterà alla Giuria Tecnica, coordinata da Franco Favaretto, Chef patron del BaccalàDivino di Mestre (Ve) e formata da alcuni Jeunes Restaurateurs d’Europe Italia, associazione che riunisce i migliori e i più giovani rappresentanti dell’alta gastronomia europea. Tra questi, anche Alessandro Breda, Chef patron stellato Michelin del ristorante Gellius di Oderzo (TV), vincitore della passata edizione del Festival (con un applauditissimo antipasto di baccalà cotto e crudo con crema di patate affumicate e cenere di verdure), quindi giurato di diritto alla finale della manifestazione. Per partecipare alle singole serate-evento e diventare protagonisti della selezione dei piatti, basta consultare l’elenco dei ristoranti partecipanti pubblicato nel sito www.festivaldelbaccala.it.

 

 

Ufficio Stampa Festival Triveneto del Baccalà verso Expo 2015:

Gaiares  di Marina Meneguzzi – www.gaiares.it – cell. 348.3127174